Luftaufnahme des Flughafens Aruba, der auch von der US Air Force genutzt wird

Aruba, Curacao – Il Venezuela verrebbe attaccato da qui?

Testo e foto: Andre Vltchek e Yayoi Segi
HandsoffVenezuela-NL, 25 September, 2020
(Questa è una traduzione automatica) ~~~

*

È solo un tiro di schioppo dal Venezuela. “Aruba l’isola felice”, la chiamano. O, più precisamente, le pubblicità la “definiscono” come tale.

In realtà, non è affatto felice. Questa colonia olandese circondata dal Mar dei Caraibi si sente profondamente frustrata e incerta sulla sua identità. Rispetto a Cuba o addirittura alla Giamaica, la gente qui non ama parlare a voce alta; se accetta di commentare qualcosa, lo fa nella stretta condizione dell’anonimato. Aruba non è in pace con se stessa, né con il mondo. Per associazione, fa parte della NATO. Dipende dal suo padrone europeo, oltreoceano. Di conseguenza, intimidisce la sua sorella, la sua bella e orgogliosa vicina – il Venezuela.

Il confine marittimo tra Aruba e il Venezuela è ormai chiuso ermeticamente, i voli tra i due paesi sono stati cancellati a tempo indeterminato. Un’enorme raffineria CITGO, o almeno gran parte di essa, che lavorava il greggio venezuelano, è chiusa; alcune parti sono in putrefazione. “A causa dell’embargo americano”, ci viene detto più e più volte.

Il CITGO garantiva redditi elevati. E il clima piacevole e le spiagge impressionanti attiravano ogni anno centinaia di migliaia di turisti stranieri, soprattutto dagli Stati Uniti. Ma il turismo è stato gravemente danneggiato, a causa di COVID-19.

Un altro “grande business” è ancora fiorente – un business di essere una colonia olandese, di essere il potenziale trampolino di lancio della NATO contro il Venezuela socialista. Sia Aruba che Curacao stanno “ospitando” il Comando Sud degli Stati Uniti (SOUTHCOM). Entrambi stanno giocando con il fuoco.

Questa “politica” porta denaro, e non ci sono molte critiche. “Facciamo parte dell’Olanda”, dichiara una tassista che ci ha accompagnato dall’aeroporto all’hotel. “Perché dovremmo protestare?

*

Abbiamo incontrato un importante uomo d’affari locale, sposato con una signora venezuelana. Non voleva essere nominato, ma parlava con rabbia, con passione:

“Ho vissuto in Olanda per 17 anni, quindi so cosa significa essere lì; come trattano i non olandesi. È vero che il Venezuela è ormai circondato da regimi di destra, fascisti, e che c’è una minaccia costante e un tentativo di attaccare il Paese, ma credo che questo non accadrà perché il Venezuela è fortemente sostenuto da Russia, Cina e Iran. Non può esserci una guerra mondiale.

Sapete la tattica che gli imperialisti vogliono usare: bloccare tutto – cibo e medicine e far morire di fame la gente di fame. Il denaro parla. Ad Aruba, la gente non è realmente contro gli Stati Uniti. A Curaçao, 1500 soldati olandesi sono lì e pronti a combattere. Ma la gente sta a poco a poco aprendo gli occhi”.

Abbiamo menzionato l’enorme raffineria fantasma, che siamo riusciti a fotografare un paio di giorni prima. Il nostro amico ci ha spiegato, amaramente:

“Quando la raffineria ha chiuso qui ad Aruba, molto petrolio è stato rubato da multinazionali. Prima, c’era un ottimo rapporto tra Aruba e il Venezuela”. Ottimi affari con un sacco di soldi.

CITGO è stata solo tre o quattro anni qui ad Aruba e sta affittando locali ad Aruba. È una filiale della CITGO con sede negli Stati Uniti (con investimenti americani) gestita da venezuelani molto corrotti negli Stati Uniti. Naturalmente, questo business funziona solo con il petrolio che proviene dal Venezuela”.

La gente di Aruba è a sostegno o si oppone alle azioni militari contro il Venezuela?

Pista dell’aeroporto di Aruba in gran forma

“Noi Arubani ci opponiamo alla creazione di una base americana. Ma noi facciamo parte del Regno dei Paesi Bassi, e qui hanno la loro base della Marina Militare. Abbiamo la nostra forza militare volontaria chiamata ARUMIL e abbiamo il potenziale per farla crescere.

Sarebbe una catastrofe devastante per l’isola se si verificasse uno scontro militare con il Venezuela e i Paesi Bassi “attivassero” la loro “difesa” come parte dell’alleanza NATO.

L’infrastruttura è molto buona qui. La pista dell’aeroporto può facilmente ospitare aerei militari e il nostro porto può trasformarsi in un cantiere navale.

È vero che il Venezuela è stato oggetto di un feroce attacco negli ultimi anni. Ma a mio parere, andando spesso in Venezuela, vedo crescere il Paese, grazie all’ottima collaborazione con la Russia, la Cina e l’Iran. Gli americani possono provare a entrare in Venezuela. Ma non ne uscirebbero mai. Un terreno molto duro e un popolo coraggioso”.

Ci sono ONG locali che vengono pagate per diffondere propaganda contro il Venezuela?

“Non c’è nessuna organizzazione locale che paga per fare propaganda contro il Venezuela. E’ più simile a un gruppo di persone che sono piuttosto anonimamente attive nei social media come Facebook e usano anche il giornale Diario per pubblicare articoli contro il Venezuela. Anche contro la Cina.

Il giornale era di proprietà di un arabo di nome Jossy Mansur (libanese) che era un noto trafficante di ogni tipo. Con i soldi tutto è possibile. I politici o quelli con interessi e con soldi pagano molto per attaccare il Venezuela.

Il pericolo ora, per come la vedo io, è l’Olanda. Se il primo ministro decidesse di sottomettersi ai Paesi Bassi, avremmo molti problemi, saremmo in grossi guai. Mi sento malissimo perché quello che sta succedendo, e non è facile viaggiare in Venezuela. Stiamo tutti pagando le conseguenze della terribile politica estera dei Paesi Bassi. In virtù del fatto di farne parte, ne siamo tutti colpiti.

La gente di Aruba ha paura di parlare. Io non ho niente da perdere e parlo a voce alta. Alzano la voce, perdono il lavoro, perdono i mezzi di sussistenza, ecc. Come sapete, qui siamo un’isola. Sapete quanto siamo dipendenti qui. Su queste isole, tutto è complicato”.

*
Da Grapefield Beach si vede chiaramente un enorme complesso carcerario, sproporzionato per l’isola con soli 112.000 abitanti. Il tasso di criminalità è alto qui, non così alto come a Curacao, che gli Arubani amano definire “pazzo”, ma comunque alto.

Sorprendente è il numero di antenne di comunicazione, radar e altre apparecchiature di sorveglianza, all’estremità meridionale dell’isola, puntate verso il Venezuela.

Porto di Oranjestad ad Aruba

Nella città di Savaneta, fotografo l’ingresso della Korps Mariniers, la base militare permanente olandese, che potrebbe essere spinta all’azione con un breve preavviso.

Aruba è infatti costellata di installazioni militari “dormienti”: dall’enorme pista e dal complesso militare dell’aeroporto internazionale Queen Beatrix, al terminal delle navi da crociera della capitale – Oranjestad – che può ospitare le corazzate della NATO con un breve preavviso.

La presenza militare a Curacao è ancora più marcata.

*

Ad Aruba abbiamo incontrato un importante sostenitore del Venezuela, un vero Chavista, che ha offerto la sua testimonianza all’interno della nostra auto a noleggio. Egli, tuttavia, ha chiesto di non essere identificato per nome:

“C’è un’installazione militare a Savaneta. Ci sono stato dentro in diverse occasioni. Aprono al pubblico una volta all’anno, il 1° maggio, festa dei lavoratori. Si possono vedere dimostrazioni dell’uso delle armi e si può anche entrare nelle barche”.

Hanno navi della Marina Militare, ma queste non sono di stanza lì, ma fuori, in mare, per la sorveglianza. Nel carcere, ci sono radar che rilevano l’ingresso illegale di barche, monitorando l’acqua tra Aruba e il Venezuela.

Lato americano dell’aeroporto di Aruba

All’aeroporto ci sono due parti: quella americana e quella di Aruban. Non c’è una presenza permanente degli Stati Uniti, ma quando il vicepresidente degli Stati Uniti si reca in Sudamerica, diciamo in Colombia e in Argentina, vi si trova l’aereo presidenziale ufficiale. Di solito non c’è un aereo da guerra o qualcosa del genere. Quando arriva il Re dei Paesi Bassi, controllano Aruba e le altre isole usando gli aerei militari disponibili nella regione”.

Ho osservato e fotografato la parte militare dell’aeroporto. È perfettamente pronto per l’azione militare, senza alcun preavviso.

Il nostro compagno ha continuato la sua testimonianza:

“All’epoca del colpo di stato fallito contro il Venezuela, appoggiato dagli Stati Uniti, all’inizio di quest’anno, c’è stato, in effetti, un alto livello di allerta. Il primo ministro di Aruba ha detto che se ci fosse stata una guerra in quel paese, avrebbe fatto appello ai Paesi Bassi per proteggere l’isola.

Alcuni hanno avuto paura. Non sapevamo come la situazione sarebbe degenerata. Penso che il Consolato del Venezuela ad Aruba sarebbe stato chiuso perché non avrebbe accettato che Aruba fosse usata come base per queste avventure militari.

Nei media, c’è molta propaganda contro il Venezuela, in particolare attraverso il giornale locale chiamato Diario. Molti articoli si oppongono alla migrazione dei venezuelani.

In ambito politico, il primo ministro è molto contrario al governo di Maduro, ma sembra esserci una divisione interna, dato che c’è un ministro sposato con una donna venezuelana. Egli è favorevole al Venezuela. La gente qui è molto divisa; ci sono più di 90 nazionalità che lavorano qui.

Su Facebook si fa molta “propaganda” contro il Venezuela. Ci sono molti commenti postati dagli Arubani contro il Venezuela e i venezuelani. Pubblicano anche foto e video quando i venezuelani vengono deportati e se si acquista Diario, c’è sempre qualcosa contro Maduro e il Venezuela.

Non sono personalmente a conoscenza di nessuna ONG che si sia costituita contro il Venezuela, ma non mi sorprenderei se ne esistesse una, perché questo posto è fortemente finanziato dagli Stati Uniti. Aruba è molto americanizzata; non c’è davvero nessun sistema organizzato conosciuto per sostenere il Chavismo e la lotta contro l’imperialismo.

Yury Bracho è l’unica che conosco, non perché abbia un’organizzazione, ma perché crede nella causa. È una figura molto conosciuta, la più importante di Aruba, direi”.

E si dà il caso che la signora Yury Bracho sia la nostra “guida” ad Aruba; un’amica che espone i sinistri piani dell’impero, contro il suo amato Venezuela.

Il nostro compagno Chavista termina la sua testimonianza:
“Diplomicamente, il nostro Consolato venezuelano è qui, ma sono sempre sotto attacco. I media si parcheggiano fuori dall’edificio del Consolato per fare reportage e filmare. Non ci sono attacchi fisici, ma Aruba è un piccolo posto dove se si viene attaccati dai media, diventa piuttosto dannoso.

C’è sempre la possibilità di un’invasione perché le isole si trovano di fronte alla costa del Venezuela. In particolare i legami tra Aruba e gli Stati Uniti sono molto forti. Il fatto che l’aereo del Vicepresidente sia di stanza qui durante le sue visite ufficiali in Sud America parla molto da sé. Aruba ha la capacità di ospitare aerei militari e imbarcazioni della Marina Militare. Le infrastrutture dell’isola sono molto buone.

Aruba fa parte del Regno dei Paesi Bassi, quindi sì, è un paese NATO. C’è stato un movimento indipendentista, ma si è tenuto un referendum e si è perso con i 60 contro i 40 per l’indipendenza. In realtà non ci sono proteste contro la NATO o per il Venezuela. Questo è un Paese così piccolo. Se vieni coinvolto, vieni fotografato, appari su una pagina Facebook o su un giornale, e la tua vita è letteralmente finita.

Curaçao ha avuto l’opportunità di ottenere l’indipendenza nel 2010, ma non l’ha ottenuta.

Il Venezuela è infatti circondato da paesi di destra, fascisti – Colombia, Guyana, Aruba, Curaçao, Brasile.

In questo momento, c’è un piano per alimentare i serbatoi di petrolio dormienti ad Aruba. Ricordate che Aruba era una stazione strategica di rifornimento di petrolio che riforniva le potenze europee durante la seconda guerra mondiale.

La raffineria è sempre stata di proprietà degli americani. C’è una filiale americana del CITGO. I serbatoi hanno petrolio solo per rifornire il mercato locale per il momento.

Tutto il resto è a Curaçao. Bonaire è molto piccola. Lì non c’è davvero nulla.

Se ci fosse, per esempio, il bombardamento di una petroliera iraniana in rotta verso il Venezuela, Curaçao avrebbe un ruolo importante, ma anche Aruba sarebbe lì per aiutare, con il carburante o altre cose. Entrambe le isole sono a circa 20 km dalla costa del Venezuela”.

La nostra amica, la signora Yury Bracho, è la più importante attivista sociale venezuelana di Aruban. È letteralmente indignata dalla posizione antivenezuelana dell’isola:

“Non capisco perché Aruba abbia chiuso i confini con il Venezuela e la gente del posto sia contro il mio Paese. I venezuelani qui non fanno nulla di male, non commettono crimini, non uccidono o cose del genere”. Lo stesso vale per coloro che sono venuti prima della chiusura delle frontiere. Non vedo alcuna ragione per questa ostilità.

Curaçao è un caso molto più sinistro, che fa un sacco di lavori sporchi contro il Venezuela con le basi militari statunitensi e olandesi e il suo coinvolgimento mentre il Paese continua a beneficiare del Venezuela, ad esempio attraverso il traffico di merci.

Voglio farvi capire una cosa sulla posizione politica dei venezuelani qui: queste persone sono davvero spaventate e preoccupate. Dicono di essere contro il governo venezuelano, per non perdere l’asilo. In realtà, non sono affatto contro il governo venezuelano”.

Andiamo in diverse parti dell’isola. Parliamo con molti immigrati venezuelani. Molti di loro vivono in condizioni deplorevoli, alcuni anche con maiali e altri animali domestici. Sono come “ombre in paradiso”. Questa destinazione turistica edonistica per i Gringos li sta trattando terribilmente, con dispetto.

Ma il brutale, folle embargo occidentale e le sanzioni contro la loro patria li hanno resi disperati. Hanno lasciato la loro terra, un tempo prospera, per un futuro incerto. Una volta ad Aruba, la maggior parte di loro è stata umiliata, spogliata della dignità.

*

La moglie venezuelana di Juan, uomo d’affari di Aruban con stretti legami con il Venezuela:

"So che il Primo Ministro di Aruba ha venduto interamente il paese ai Paesi Bassi. Con una crescente escalation contro il Venezuela, temo che il coinvolgimento di Aruba in un eventuale incidente militare sarebbe terribile e che potrebbe effettivamente accadere".

*

Il 03 maggio 2020 il Venezuela ha inviato un forte avvertimento ad Aruba:

“Il Venezuela ha allertato il governo di Aruba sull’uso del suo territorio per fornire supporto logistico e fornire supporto ai gruppi mercenari terroristici che minacciano la sovranità venezuelana.

Lo ha riferito il vicepresidente esecutivo della Repubblica, Delcy Rodríguez, dopo aver tenuto un incontro con l’ambasciatore dei Paesi Bassi in Venezuela, Norbert Braakhuis.

Nel pronunciare i fatti accaduti nelle prime ore di questa domenica, quando un gruppo di mercenari ha compiuto un’incursione contro la sovranità nazionale, il Vice Presidente ha sottolineato che “l’impegno internazionale contro il terrorismo non può avere due pesi e due misure, deve essere uno solo e non può essere utilizzato per rovesciare un governo costituzionale e legittimo”.

Rodríguez ha dichiarato che la lotta al terrorismo deve essere inquadrata nelle leggi internazionali che regolano la materia e la cooperazione giudiziaria; “Così si fa: la legalità”.

In questo senso, lo Stato venezuelano agirà con forza in difesa dei legittimi diritti del Venezuela alla sicurezza territoriale, alla sovranità e alla pace, ha comunicato il vicepresidente durante un messaggio offerto alla Nazione dalla sala stampa “Simón Bolívar” del Palazzo di Miraflores”.

Già nel 2009, il Presidente del Venezuela, Hugo Chavez, è scattato in Occidente:

“Paesi Bassi e Stati Uniti pianificano un’aggressione militare contro il Venezuela dalle Antille olandesi”.

Poi, nel 2019, l’Orinoco Tribune ha pubblicato il rapporto “A Walk Through US Military Bases in Curacao and Aruba”:

“L’evoluzione dell’uso di queste basi militari statunitensi ha portato alla formazione di un “arco strategico”, che sarebbe composto da truppe d’assalto, di stanza nel controllo e monitoraggio degli insediamenti di diversi paesi dell’America Centrale e dei Caraibi, con l’obiettivo di svolgere compiti di guerra elettronica, spionaggio e concentrazione di dispositivi logistici.

I sospetti sulla trasformazione operativa di questi “FOLs” non sono rimasti senza risposta, come dimostrano le rivelazioni degli ultimi mesi sulle intenzioni della Casa Bianca di intervenire militarmente in Venezuela per deporre il presidente legale, Nicolás Maduro.

Nel febbraio di quest’anno il governo di Cuba ha dichiarato, in un comunicato, che tra il 6 e il 10 luglio ha rilevato, tra il 6 e il 10 luglio, voli di aerei militari da trasporto dagli Stati Uniti verso le basi di Puerto Rico, Repubblica Dominicana e altre isole dei Caraibi, “sicuramente senza conoscere i governi di quelle nazioni”.

Questi movimenti “hanno avuto origine in installazioni militari statunitensi da cui operano unità delle Forze Speciali e del Corpo dei Marines, che vengono utilizzate per azioni segrete, anche contro i leader di altri Paesi”, ha avvertito il governo cubano.

In effetti, il movimento militare sarebbe mimetizzato come un presunto “intervento umanitario” in Venezuela e comporterebbe un dispiegamento tattico per attaccare direttamente l’alto comando venezuelano e scatenare una situazione di guerra di maggiori proporzioni”.

Madeleine Klinkhamer, una delle cofondatrici del Vrede, ha incontrato la Venezuela-handsoffvenezuela.nl, e co-produttrice di questo rapporto, ha spiegato la posizione della sua organizzazione nei confronti degli attacchi contro il Venezuela:

“Ci siamo riuniti per sostenere il Venezuela perché riteniamo che la difesa della sovranità del Venezuela sia di fondamentale importanza per l’umanità. Il riscaldamento, la guerra economica e i tentativi di colpo di stato sono aumentati in numero, intensità e follia; la forza ha ragione e sta prendendo sempre più il sopravvento sui principi fondamentali della sovranità e del diritto internazionale.

Nel frattempo, dopo anni di progressi in America Latina e milioni di persone che sono state sollevate dalla povertà in un certo numero di paesi ricchi di risorse che impiegano entrate locali, il complesso militare industriale sta riprendendo il controllo (e i profitti) di paesi che cercano di tracciare il proprio percorso come la Bolivia e minacciano altri con la più grande flotta di navi da guerra USA/Canada/Olanda/Olanda/Regno Unito/Francia dal 1989 mobilitate vicino al continente, appena al largo delle coste del Venezuela.

E’ importante per il mondo intero che l’equilibrio del continente sia rovesciato nel modo giusto, giusto, e che i guerrafondai non se la cavino con questo prossimo livello di spietato assalto imperialista”.

Questo è ovviamente corretto. Per decenni, uno dopo l’altro, il governo di sinistra dell’America Latina è stato rovesciato, paesi dalla Repubblica Dominicana al Cile sono stati bagnati di sangue. Deve finire. Se non con la ragione, allora con la forza. L’impero occidentale deve essere affrontato e dissuaso. E le sue colonie sottomesse devono essere convinte che servire padroni aggressivi e assassini non paga.

Aruba non è un paradiso. È un’isola abbandonata ai gusti nordamericani: quelli dei turisti, dei pianificatori militari e dei falchi. E l’Olanda, sempre più di destra, gioca a fare il go-in-between. Sta letteralmente facendo il ruffiano delle sue colonie, offrendole per una lotta immorale contro il Venezuela.

È il Venezuela che è bello. A volte, quando il tempo è bello, le sue coste possono essere avvistate da luoghi elevati.

Conosco le città venezuelane, conosco le sue coste e le isole, le alte montagne, le pianure, le cascate, i fiumi possenti. E conosco il suo sistema politico, che è il più adatto al Sud America.

Se il Venezuela cadrà, cadrà l’intero Sudamerica.

Il socialismo venezuelano deve essere difeso con tutti i mezzi. E lo è; e lo sarà.

Oggi abbiamo scoperto uno degli avamposti, di fronte alla minacciosa Rivoluzione Bolivariana. Questo avamposto è Aruba.

Non ci fermeremo qui. Uno ad uno, i nemici del Venezuela saranno visitati, analizzati e svergognati. Per il bene del popolo del Venezuela e del continente.

Immagine in primo piano: Veduta aerea dell’aeroporto di Aruba, utilizzata anche dall’aviazione militare statunitense

Andre Vltchek è un filosofo, giornalista investigativo, romanziere e regista. Si è occupato di guerre e conflitti in decine di paesi. Questo martedì 22 settembre 2020 è morto, lasciando il mondo senza la sua insostituibile analisi acuta dei suoi mali. Andre ha fatto luce su molte ingiustizie che nessun altro avrebbe toccato e ha mostrato gli effetti di vasta portata della continua mentalità imperialista e della politica. Ha anche scritto in un modo appassionato e unico nel suo genere. Andre mancherà a molti.
Per favore, onoratelo leggendo i suoi ultimi libri come Ottimismo rivoluzionario, Nichilismo occidentale, “Esporre le menzogne dell’Impero”. Vedi gli altri suoi libri qui. Guardate Rwanda Gambit, il suo rivoluzionario documentario sul Ruanda e la RDCongo e il suo film/dialogo con Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Per un elenco completa del suo lavoro si veda il suo sito web.

È solo un tiro di schioppo dal Venezuela. “Aruba l’isola felice”, la chiamano. O, più precisamente, le pubblicità la “definiscono” come tale.

In realtà, non è affatto felice. Questa colonia olandese circondata dal Mar dei Caraibi si sente profondamente frustrata e incerta sulla sua identità. Rispetto a Cuba o addirittura alla Giamaica, la gente qui non ama parlare a voce alta; se accetta di commentare qualcosa, lo fa nella stretta condizione dell’anonimato. Aruba non è in pace con se stessa, né con il mondo. Per associazione, fa parte della NATO. Dipende dal suo padrone europeo, oltreoceano. Di conseguenza, intimidisce la sua sorella, la sua bella e orgogliosa vicina – il Venezuela.

Il confine marittimo tra Aruba e il Venezuela è ormai chiuso ermeticamente, i voli tra i due paesi sono stati cancellati a tempo indeterminato. Un’enorme raffineria CITGO, o almeno gran parte di essa, che lavorava il greggio venezuelano, è chiusa; alcune parti sono in putrefazione. “A causa dell’embargo americano”, ci viene detto più e più volte.

Il CITGO garantiva redditi elevati. E il clima piacevole e le spiagge impressionanti attiravano ogni anno centinaia di migliaia di turisti stranieri, soprattutto dagli Stati Uniti. Ma il turismo è stato gravemente danneggiato, a causa di COVID-19.

Un altro “grande business” è ancora fiorente – un business di essere una colonia olandese, di essere il potenziale trampolino di lancio della NATO contro il Venezuela socialista. Sia Aruba che Curacao stanno “ospitando” il Comando Sud degli Stati Uniti (SOUTHCOM). Entrambi stanno giocando con il fuoco.

Questa “politica” porta denaro, e non ci sono molte critiche. “Facciamo parte dell’Olanda”, dichiara una tassista che ci ha accompagnato dall’aeroporto all’hotel. “Perché dovremmo protestare?

*

Abbiamo incontrato un importante uomo d’affari locale, sposato con una signora venezuelana. Non voleva essere nominato, ma parlava con rabbia, con passione:

“Ho vissuto in Olanda per 17 anni, quindi so cosa significa essere lì; come trattano i non olandesi. È vero che il Venezuela è ormai circondato da regimi di destra, fascisti, e che c’è una minaccia costante e un tentativo di attaccare il Paese, ma credo che questo non accadrà perché il Venezuela è fortemente sostenuto da Russia, Cina e Iran. Non può esserci una guerra mondiale.

Sapete la tattica che gli imperialisti vogliono usare: bloccare tutto – cibo e medicine e far morire di fame la gente di fame. Il denaro parla. Ad Aruba, la gente non è realmente contro gli Stati Uniti. A Curaçao, 1500 soldati olandesi sono lì e pronti a combattere. Ma la gente sta a poco a poco aprendo gli occhi”.

Abbiamo menzionato l’enorme raffineria fantasma, che siamo riusciti a fotografare un paio di giorni prima. Il nostro amico ci ha spiegato, amaramente:

“Quando la raffineria ha chiuso qui ad Aruba, molto petrolio è stato rubato da multinazionali. Prima, c’era un ottimo rapporto tra Aruba e il Venezuela”. Ottimi affari con un sacco di soldi.

CITGO è stata solo tre o quattro anni qui ad Aruba e sta affittando locali ad Aruba. È una filiale della CITGO con sede negli Stati Uniti (con investimenti americani) gestita da venezuelani molto corrotti negli Stati Uniti. Naturalmente, questo business funziona solo con il petrolio che proviene dal Venezuela”.

La gente di Aruba è a sostegno o si oppone alle azioni militari contro il Venezuela?
Pista dell’aeroporto di Aruba in gran forma

“Noi Arubani ci opponiamo alla creazione di una base americana. Ma noi facciamo parte del Regno dei Paesi Bassi, e qui hanno la loro base della Marina Militare. Abbiamo la nostra forza militare volontaria chiamata ARUMIL e abbiamo il potenziale per farla crescere.

Sarebbe una catastrofe devastante per l’isola se si verificasse uno scontro militare con il Venezuela e i Paesi Bassi “attivassero” la loro “difesa” come parte dell’alleanza NATO.

L’infrastruttura è molto buona qui. La pista dell’aeroporto può facilmente ospitare aerei militari e il nostro porto può trasformarsi in un cantiere navale.

È vero che il Venezuela è stato oggetto di un feroce attacco negli ultimi anni. Ma a mio parere, andando spesso in Venezuela, vedo crescere il Paese, grazie all’ottima collaborazione con la Russia, la Cina e l’Iran. Gli americani possono provare a entrare in Venezuela. Ma non ne uscirebbero mai. Un terreno molto duro e un popolo coraggioso”.

Ci sono ONG locali che vengono pagate per diffondere propaganda contro il Venezuela?

“Non c’è nessuna organizzazione locale che paga per fare propaganda contro il Venezuela. E’ più simile a un gruppo di persone che sono piuttosto anonimamente attive nei social media come Facebook e usano anche il giornale Diario per pubblicare articoli contro il Venezuela. Anche contro la Cina.

Il giornale era di proprietà di un arabo di nome Jossy Mansur (libanese) che era un noto trafficante di ogni tipo. Con i soldi tutto è possibile. I politici o quelli con interessi e con soldi pagano molto per attaccare il Venezuela.

Il pericolo ora, per come la vedo io, è l’Olanda. Se il primo ministro decidesse di sottomettersi ai Paesi Bassi, avremmo molti problemi, saremmo in grossi guai. Mi sento malissimo perché quello che sta succedendo, e non è facile viaggiare in Venezuela. Stiamo tutti pagando le conseguenze della terribile politica estera dei Paesi Bassi. In virtù del fatto di farne parte, ne siamo tutti colpiti.

La gente di Aruba ha paura di parlare. Io non ho niente da perdere e parlo a voce alta. Alzano la voce, perdono il lavoro, perdono i mezzi di sussistenza, ecc. Come sapete, qui siamo un’isola. Sapete quanto siamo dipendenti qui. Su queste isole, tutto è complicato”.

*
Da Grapefield Beach si vede chiaramente un enorme complesso carcerario, sproporzionato per l’isola con soli 112.000 abitanti. Il tasso di criminalità è alto qui, non così alto come a Curacao, che gli Arubani amano definire “pazzo”, ma comunque alto.

Sorprendente è il numero di antenne di comunicazione, radar e altre apparecchiature di sorveglianza, all’estremità meridionale dell’isola, puntate verso il Venezuela.
Porto di Oranjestad ad Aruba

Nella città di Savaneta, fotografo l’ingresso della Korps Mariniers, la base militare permanente olandese, che potrebbe essere spinta all’azione con un breve preavviso.

Aruba è infatti costellata di installazioni militari “dormienti”: dall’enorme pista e dal complesso militare dell’aeroporto internazionale Queen Beatrix, al terminal delle navi da crociera della capitale – Oranjestad – che può ospitare le corazzate della NATO con un breve preavviso.

La presenza militare a Curacao è ancora più marcata.

*

Ad Aruba abbiamo incontrato un importante sostenitore del Venezuela, un vero Chavista, che ha offerto la sua testimonianza all’interno della nostra auto a noleggio. Egli, tuttavia, ha chiesto di non essere identificato per nome:

“C’è un’installazione militare a Savaneta. Ci sono stato dentro in diverse occasioni. Aprono al pubblico una volta all’anno, il 1° maggio, festa dei lavoratori. Si possono vedere dimostrazioni dell’uso delle armi e si può anche entrare nelle barche”.

Hanno navi della Marina Militare, ma queste non sono di stanza lì, ma fuori, in mare, per la sorveglianza. Nel carcere, ci sono radar che rilevano l’ingresso illegale di barche, monitorando l’acqua tra Aruba e il Venezuela.

Lato americano dell’aeroporto di Aruba

All’aeroporto ci sono due parti: quella americana e quella di Aruban. Non c’è una presenza permanente degli Stati Uniti, ma quando il vicepresidente degli Stati Uniti si reca in Sudamerica, diciamo in Colombia e in Argentina, vi si trova l’aereo presidenziale ufficiale. Di solito non c’è un aereo da guerra o qualcosa del genere. Quando arriva il Re dei Paesi Bassi, controllano Aruba e le altre isole usando gli aerei militari disponibili nella regione”.

Ho osservato e fotografato la parte militare dell’aeroporto. È perfettamente pronto per l’azione militare, senza alcun preavviso.

Il nostro compagno ha continuato la sua testimonianza:

“All’epoca del colpo di stato fallito contro il Venezuela, appoggiato dagli Stati Uniti, all’inizio di quest’anno, c’è stato, in effetti, un alto livello di allerta. Il primo ministro di Aruba ha detto che se ci fosse stata una guerra in quel paese, avrebbe fatto appello ai Paesi Bassi per proteggere l’isola.

Alcuni hanno avuto paura. Non sapevamo come la situazione sarebbe degenerata. Penso che il Consolato del Venezuela ad Aruba sarebbe stato chiuso perché non avrebbe accettato che Aruba fosse usata come base per queste avventure militari.

Nei media, c’è molta propaganda contro il Venezuela, in particolare attraverso il giornale locale chiamato Diario. Molti articoli si oppongono alla migrazione dei venezuelani.

In ambito politico, il primo ministro è molto contrario al governo di Maduro, ma sembra esserci una divisione interna, dato che c’è un ministro sposato con una donna venezuelana. Egli è favorevole al Venezuela. La gente qui è molto divisa; ci sono più di 90 nazionalità che lavorano qui.

Su Facebook si fa molta “propaganda” contro il Venezuela. Ci sono molti commenti postati dagli Arubani contro il Venezuela e i venezuelani. Pubblicano anche foto e video quando i venezuelani vengono deportati e se si acquista Diario, c’è sempre qualcosa contro Maduro e il Venezuela.

Non sono personalmente a conoscenza di nessuna ONG che si sia costituita contro il Venezuela, ma non mi sorprenderei se ne esistesse una, perché questo posto è fortemente finanziato dagli Stati Uniti. Aruba è molto americanizzata; non c’è davvero nessun sistema organizzato conosciuto per sostenere il Chavismo e la lotta contro l’imperialismo.

Yury Bracho è l’unica che conosco, non perché abbia un’organizzazione, ma perché crede nella causa. È una figura molto conosciuta, la più importante di Aruba, direi”.

E si dà il caso che la signora Yury Bracho sia la nostra “guida” ad Aruba; un’amica che espone i sinistri piani dell’impero, contro il suo amato Venezuela.

Il nostro compagno Chavista termina la sua testimonianza:
“Diplomicamente, il nostro Consolato venezuelano è qui, ma sono sempre sotto attacco. I media si parcheggiano fuori dall’edificio del Consolato per fare reportage e filmare. Non ci sono attacchi fisici, ma Aruba è un piccolo posto dove se si viene attaccati dai media, diventa piuttosto dannoso.

C’è sempre la possibilità di un’invasione perché le isole si trovano di fronte alla costa del Venezuela. In particolare i legami tra Aruba e gli Stati Uniti sono molto forti. Il fatto che l’aereo del Vicepresidente sia di stanza qui durante le sue visite ufficiali in Sud America parla molto da sé. Aruba ha la capacità di ospitare aerei militari e imbarcazioni della Marina Militare. Le infrastrutture dell’isola sono molto buone.

Aruba fa parte del Regno dei Paesi Bassi, quindi sì, è un paese NATO. C’è stato un movimento indipendentista, ma si è tenuto un referendum e si è perso con i 60 contro i 40 per l’indipendenza. In realtà non ci sono proteste contro la NATO o per il Venezuela. Questo è un Paese così piccolo. Se vieni coinvolto, vieni fotografato, appari su una pagina Facebook o su un giornale, e la tua vita è letteralmente finita.

Curaçao ha avuto l’opportunità di ottenere l’indipendenza nel 2010, ma non l’ha ottenuta.

Il Venezuela è infatti circondato da paesi di destra, fascisti – Colombia, Guyana, Aruba, Curaçao, Brasile.

In questo momento, c’è un piano per alimentare i serbatoi di petrolio dormienti ad Aruba. Ricordate che Aruba era una stazione strategica di rifornimento di petrolio che riforniva le potenze europee durante la seconda guerra mondiale.

La raffineria è sempre stata di proprietà degli americani. C’è una filiale americana del CITGO. I serbatoi hanno petrolio solo per rifornire il mercato locale per il momento.

Tutto il resto è a Curaçao. Bonaire è molto piccola. Lì non c’è davvero nulla.

Se ci fosse, per esempio, il bombardamento di una petroliera iraniana in rotta verso il Venezuela, Curaçao avrebbe un ruolo importante, ma anche Aruba sarebbe lì per aiutare, con il carburante o altre cose. Entrambe le isole sono a circa 20 km dalla costa del Venezuela”.

La nostra amica, la signora Yury Bracho, è la più importante attivista sociale venezuelana di Aruban. È letteralmente indignata dalla posizione antivenezuelana dell’isola:

“Non capisco perché Aruba abbia chiuso i confini con il Venezuela e la gente del posto sia contro il mio Paese. I venezuelani qui non fanno nulla di male, non commettono crimini, non uccidono o cose del genere”. Lo stesso vale per coloro che sono venuti prima della chiusura delle frontiere. Non vedo alcuna ragione per questa ostilità.

Curaçao è un caso molto più sinistro, che fa un sacco di lavori sporchi contro il Venezuela con le basi militari statunitensi e olandesi e il suo coinvolgimento mentre il Paese continua a beneficiare del Venezuela, ad esempio attraverso il traffico di merci.

Voglio farvi capire una cosa sulla posizione politica dei venezuelani qui: queste persone sono davvero spaventate e preoccupate. Dicono di essere contro il governo venezuelano, per non perdere l’asilo. In realtà, non sono affatto contro il governo venezuelano”.

Andiamo in diverse parti dell’isola. Parliamo con molti immigrati venezuelani. Molti di loro vivono in condizioni deplorevoli, alcuni anche con maiali e altri animali domestici. Sono come “ombre in paradiso”. Questa destinazione turistica edonistica per i Gringos li sta trattando terribilmente, con dispetto.

Ma il brutale, folle embargo occidentale e le sanzioni contro la loro patria li hanno resi disperati. Hanno lasciato la loro terra, un tempo prospera, per un futuro incerto. Una volta ad Aruba, la maggior parte di loro è stata umiliata, spogliata della dignità.

*

La moglie venezuelana di Juan, uomo d’affari di Aruban con stretti legami con il Venezuela:

"So che il Primo Ministro di Aruba ha venduto interamente il paese ai Paesi Bassi. Con una crescente escalation contro il Venezuela, temo che il coinvolgimento di Aruba in un eventuale incidente militare sarebbe terribile e che potrebbe effettivamente accadere".

*

Il 03 maggio 2020 il Venezuela ha inviato un forte avvertimento ad Aruba:

“Il Venezuela ha allertato il governo di Aruba sull’uso del suo territorio per fornire supporto logistico e fornire supporto ai gruppi mercenari terroristici che minacciano la sovranità venezuelana.

Lo ha riferito il vicepresidente esecutivo della Repubblica, Delcy Rodríguez, dopo aver tenuto un incontro con l’ambasciatore dei Paesi Bassi in Venezuela, Norbert Braakhuis.

Nel pronunciare i fatti accaduti nelle prime ore di questa domenica, quando un gruppo di mercenari ha compiuto un’incursione contro la sovranità nazionale, il Vice Presidente ha sottolineato che “l’impegno internazionale contro il terrorismo non può avere due pesi e due misure, deve essere uno solo e non può essere utilizzato per rovesciare un governo costituzionale e legittimo”.

Rodríguez ha dichiarato che la lotta al terrorismo deve essere inquadrata nelle leggi internazionali che regolano la materia e la cooperazione giudiziaria; “Così si fa: la legalità”.

In questo senso, lo Stato venezuelano agirà con forza in difesa dei legittimi diritti del Venezuela alla sicurezza territoriale, alla sovranità e alla pace, ha comunicato il vicepresidente durante un messaggio offerto alla Nazione dalla sala stampa “Simón Bolívar” del Palazzo di Miraflores”.

Già nel 2009, il Presidente del Venezuela, Hugo Chavez, è scattato in Occidente:

“Paesi Bassi e Stati Uniti pianificano un’aggressione militare contro il Venezuela dalle Antille olandesi”.

Poi, nel 2019, l’Orinoco Tribune ha pubblicato il rapporto “A Walk Through US Military Bases in Curacao and Aruba”:

“L’evoluzione dell’uso di queste basi militari statunitensi ha portato alla formazione di un “arco strategico”, che sarebbe composto da truppe d’assalto, di stanza nel controllo e monitoraggio degli insediamenti di diversi paesi dell’America Centrale e dei Caraibi, con l’obiettivo di svolgere compiti di guerra elettronica, spionaggio e concentrazione di dispositivi logistici.

I sospetti sulla trasformazione operativa di questi “FOLs” non sono rimasti senza risposta, come dimostrano le rivelazioni degli ultimi mesi sulle intenzioni della Casa Bianca di intervenire militarmente in Venezuela per deporre il presidente legale, Nicolás Maduro.

Nel febbraio di quest’anno il governo di Cuba ha dichiarato, in un comunicato, che tra il 6 e il 10 luglio ha rilevato, tra il 6 e il 10 luglio, voli di aerei militari da trasporto dagli Stati Uniti verso le basi di Puerto Rico, Repubblica Dominicana e altre isole dei Caraibi, “sicuramente senza conoscere i governi di quelle nazioni”.

Questi movimenti “hanno avuto origine in installazioni militari statunitensi da cui operano unità delle Forze Speciali e del Corpo dei Marines, che vengono utilizzate per azioni segrete, anche contro i leader di altri Paesi”, ha avvertito il governo cubano.

In effetti, il movimento militare sarebbe mimetizzato come un presunto “intervento umanitario” in Venezuela e comporterebbe un dispiegamento tattico per attaccare direttamente l’alto comando venezuelano e scatenare una situazione di guerra di maggiori proporzioni”.

Madeleine Klinkhamer, una delle cofondatrici del Vrede, ha incontrato la Venezuela-handsoffvenezuela.nl, e co-produttrice di questo rapporto, ha spiegato la posizione della sua organizzazione nei confronti degli attacchi contro il Venezuela:

“Ci siamo riuniti per sostenere il Venezuela perché riteniamo che la difesa della sovranità del Venezuela sia di fondamentale importanza per l’umanità. Il riscaldamento, la guerra economica e i tentativi di colpo di stato sono aumentati in numero, intensità e follia; la forza ha ragione e sta prendendo sempre più il sopravvento sui principi fondamentali della sovranità e del diritto internazionale.

Nel frattempo, dopo anni di progressi in America Latina e milioni di persone che sono state sollevate dalla povertà in un certo numero di paesi ricchi di risorse che impiegano entrate locali, il complesso militare industriale sta riprendendo il controllo (e i profitti) di paesi che cercano di tracciare il proprio percorso come la Bolivia e minacciano altri con la più grande flotta di navi da guerra USA/Canada/Olanda/Regno Unito/Francia dal 1989 mobilitate vicino al continente, appena al largo delle coste del Venezuela.

E’ importante per il mondo intero che l’equilibrio del continente sia rovesciato nel modo giusto, giusto, e che i guerrafondai non se la cavino con questo prossimo livello di spietato assalto imperialista”.

Questo è ovviamente corretto. Per decenni, uno dopo l’altro, il governo di sinistra dell’America Latina è stato rovesciato, paesi dalla Repubblica Dominicana al Cile sono stati bagnati di sangue. Deve finire. Se non con la ragione, allora con la forza. L’impero occidentale deve essere affrontato e dissuaso. E le sue colonie sottomesse devono essere convinte che servire padroni aggressivi e assassini non paga.

Aruba non è un paradiso. È un’isola abbandonata ai gusti nordamericani: quelli dei turisti, dei pianificatori militari e dei falchi. E l’Olanda, sempre più di destra, gioca a fare il go-in-between. Sta letteralmente facendo il ruffiano delle sue colonie, offrendole per una lotta immorale contro il Venezuela.

È il Venezuela che è bello. A volte, quando il tempo è bello, le sue coste possono essere avvistate da luoghi elevati.

Conosco le città venezuelane, conosco le sue coste e le isole, le alte montagne, le pianure, le cascate, i fiumi possenti. E conosco il suo sistema politico, che è il più adatto al Sud America.

Se il Venezuela cadrà, cadrà l’intero Sudamerica.

Il socialismo venezuelano deve essere difeso con tutti i mezzi. E lo è; e lo sarà.

Oggi abbiamo scoperto uno degli avamposti, di fronte alla minacciosa Rivoluzione Bolivariana. Questo avamposto è Aruba.

Non ci fermeremo qui. Uno ad uno, i nemici del Venezuela saranno visitati, analizzati e svergognati. Per il bene del popolo del Venezuela e del continente.

Immagine in primo piano: Veduta aerea dell’aeroporto di Aruba, utilizzata anche dall’aviazione militare statunitense

Andre Vltchek è un filosofo, giornalista investigativo, romanziere e regista. Si è occupato di guerre e conflitti in decine di paesi. Questo martedì 22 settembre 2020 è morto, lasciando il mondo senza la sua insostituibile analisi acuta dei suoi mali. Andre ha fatto luce su molte ingiustizie che nessun altro avrebbe toccato e ha mostrato gli effetti di vasta portata della continua mentalità imperialista e della politica. Ha anche scritto in un modo appassionato e unico nel suo genere.
Andre mancherà a molti.
Per favore, onoratelo leggendo i suoi ultimi libri come ‘Revolutionary Optimism, Western Nihilism‘ (Ottimismo rivoluzionario, Nichilismo occidentale), “‘Exposing Lies Of The Empire’ (Esporre le menzogne dell’Impero). Vedi gli altri suoi libri qui. Guardate ‘Rwanda Gambit’, il suo rivoluzionario documentario sul Ruanda e la RDCongo e il suo film/dialogo con Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Per un elenco completa del suo lavoro si veda il suo sito web.


Traduzione automatica

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *